Hai assistito ad un nostro spettacolo? Scrivici le tue impressioni!

10 + 15 =

testimonial-icon-100px

 

Ecco cosa ci avete scritto, detto e inviato in questi anni

Negli ultimi cinque anni a volte ci avete fatto ridere, altre piangere, altre ancora riflettere. Ma sempre ci avete fatto sognare e passare serate incantevoli. Grazie ragazzi. Orgoglioso di voi!!!

Fabio Rubini

Con il vostro modo sanguigno, appassionato, vitale di fare teatro, mi avete stregato, rapito, coinvolto, fatto emozionare ancora una volta.

Antonio

COMPLIMENTI VIVISSIMI da noi tutti per lo spettacolo La Porta del Tempo. Oltre alle ottime prove degli attori, i costumi e la scenografia erano di una attinenza “spettacolare” e di una pulizia incisiva, graffiante, quasi religiosa.
Emozionatissimo anche il finale con l’attrice che apriva le porte ai personaggi protagonisti delle varie situazioni, accolti e salutati ciascuno con l’atteggiamento consono alla figura portata.

Marco B.

Fenomenali “I Riso e Amaro”, vengono da lontano. “La porta del tempo”= “DIE Vorstellung”, Lo Spettacolo, musiche magnifiche, le voci delle Baccanti che si fondono in una, una stregoneria inquietante e seducente, “Casa di bambola”… Solo il modo in cui Nora dice “Per otto lunghi anni”, è come se in pochi secondi si sentisse il peso di quegli anni. Ma come fanno ad essere così bravi?!?
È incredibile trasmettere in scena certe sensazioni così suggestive e da brivido, non so come fate, in poche parole fate scorrere un torrente… Troppo belli anche i costumi.
Le parole sono inutili però, dovete vedere anche le lunghissime ombre che si proiettano sullo sfondo, it’s all creepy and magic somehow, spettacolo più luminoso della neve sotto la luna piena.

Sara C.

Stupendo viaggio tra colori e epoche attraverso le porte del tempo – da Euripide a Beckett. Favolose interpretazioni e lavoro di un gruppo fantastico, affiatato e spettacolare nella rappresentazione di più personaggi. E Mortara riscopre il teatro grazie a preparatissimi interpreti e a profondi caratteri dalla regia di Marta Comeglio, ai Costumi ed alle Scene ed a tutto lo Staff, stasera, assolutamente perfetti. Grazie per aver riportato in questa Città la voglia di teatro Vero E Sincero.
C’è bisogno di Emozione, e piece del passato si dimostrano attualissime come contenuti resi carichi di pathos dall’interpretazione che merita di essere seguita, data la passione, che diventa anche divulgazione di autori, che magari qualcuno non conosceva o li conosceva di sfioro. Con stima ed affetto i miei migliori auspici ad un lavoro straordinario che merita “Appoggio e Risorse” per continuare e coinvolgere ancora più nuovi interpreti e nuovi caratteri che il teatro lo hanno nel Cuore e vorrebbero portarlo sul palco.
[La porta del tempo]

Lucio

I Riso e Amaro si confermano una delle più importanti realtà culturali della città, in grado di ravvivare Mortara On Stage con tanto talento a “chilometri zero”.
[Rumors e Le strane coppie 2013]

Vittorio

Wow che organizzazione!!!! Sito ben fatto, molto bello il video promo. Evocativo nella prima parte e bello anche nella seconda parte dietro le quinte…
Ottimo i miei complimenti a tutti! Grazie e onore a voi tutti che fate questo a Mortara!!!!!!
[Antologia di Bruce River]

Andrea

Lo spettacolo di sabato è stato veramente emozionante, non mi aspettavo uno spettacolo così innovativo: una fusione di teatro, musica, filmati, meglio di così non si poteva proprio fare per rendere comprensibile e divulgare l’opera di Bruce Springsteen.
Complimenti all’ideatrice e regista Marta Comeglio ma anche agli attori (tutti bravi) ed alla band che ho trovato eccezionale (7 elementi di altissimo livello ed il cantante con una voce ed una grinta unici.
[Antologia di Bruce River]

Lella

Mamma mia, ragazzi! Avete spaccato anche stavolta!! Come e più di tutte le altre volte!!! Esco dall’Auditorium grondante “blood, sweat & tears” per uno spettacolo monumentale! Ambizioso, potente, struggente, ricchissimo di dettagli e di sfumature, mi ha letteralmente travolto, faticherò a prendere sonno stanotte.
Ma quanto lavoro, quanta cura, quanta ricerca, quanta passione, quanta gioia c’è dietro tutto questo?! Avete spostato l’asticella ancora più in alto e la prossima volta sarà ancora più gratificante superare quel capolavoro che avete messo in scena.
“Mister State Trooper please don’t stop THEM”
Rock on!
[Antologia di Bruce River]

Antonio

Sabato sera in Auditorium abbiamo provato tutti una forte emozione, vedendo recitare questi ragazzi in maniera straordinaria e ascoltando la Band suonare le canzoni del Boss.
Ho trattenuto a stento le lacrime più di una volta perché Bruce Springsteen racconta qualcosa di noi nelle sue canzoni e ti entra nell’anima.
Grazie a tutti nessuno escluso per averci regalato questo meraviglioso spettacolo.
[Antologia di Bruce River]

Giovanna

Ho assistito alla prima di questo insolito spettacolo con stati d’animo diversi. Inizialmente ero incuriosita dall’esperimento ardito di Marta di coniugare e compenetrare la drammaturgia con la musica quando la musica non è Verdi o Wagner, ma Bruce Springsteen…ma ancora non sapevo…pensavo a una biografia del personaggio attraverso la sua musica…invece era la trasposizione del pensiero, dei sentimenti, dei sogni di un uomo che fondendo la poesia con la musica ha regalato alla gente del 2000 le sue passioni e il suo sogno.
E poi mi sono trovata trascinata in quel mondo, in quell’America fatta di sogni e di illusioni, di gioia e di dolore…Attori fantastici come sempre, questi Riso E Amaro che Marta ha cresciuto come sue proprie creature, covandosele e crescendole con la passione di una vera madre e con l’abilità di una grande Maestra. E ci voleva la musica. E il canto. E anche qui le scelte di Marta sono state felici. Di più, visto che si è assicurata l’apporto di un gruppo rock bravissimo e per di più innamorato del Boss. Attori splendidi e ben calati nei loro personaggi, una riscoperta, una conferma di crescita in bravura…qualche scena è stata così intensa da arrivare dritto dritto al cuore, commuovendo…attori veri…musicisti di razza..con l’aggiunta di una grande Caterina Comeglio che per una volta è passata dal Suo Jazz al rock di Bruce….e un immenso Marco Fleba…gran Maestro ,energia mai in riserva di carburante…ma come fa? ahh dimenticavo…un difetto: un po’ lungo… ma tutto in crescendo…fino all’apoteosi finale… bello bello…grazie.
[Antologia di Bruce River]

Pierangela

Grandissimi! Tanta stima e ammirazione per tutti voi!

[La casa di Bernarda Alba & Moby Dick]

Gianluca